Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

La Pastiera



Ebbene sì, anch'io a Pasqua faccio le pastiere, e dico "le" (e non "la") perché con le dosi standard ne verrebbe fuori una enorme, quindi divido l'impasto e ne tiro fuori di solito tre abbastanza grandi, quest'anno ho ridotto un pò le dosi e ne ho fatte due nello stampo da 24 cm e sei piccoline negli stampi di carta da forno, quelli che vendono come stampi da mini-crostata, avete presente? Bé le piccoline ovviamente sono molto molto carine, dato che dovrò preparare dei piccoli cestini da regalare sicuramente finiranno là dentro.


Chissà perché questo dolce, solitamente, si fa solo a Pasqua. Di certo ha una preparazione abbastanza lunga, è vero, ci vuole tanto tempo, anche a cuocerle. Bene, io l'anno scorso ho provato a congelarne una, ben chiusa in un sacchetto. Poco tempo fa l'ho tirata fuori dal congelatore e l'ho lasciata scongelare a temperatura ambiente: era rimasta intatta. Questa è un'alternativa per poter gustare la pastiera anche al di fuori del periodo pasquale senza rifare tutta la fatica.
E adesso, la ricetta.

Pastiera
Un tavolo per quattro)

Per la frolla

600 g di farina 00
250 g di burro
250 g di zucchero
buccia d'arancia e/o buccia di limone grattugiata
due cucchiaini di lievito
2 uova + 1 tuorlo
un pizzico di sale

Per la farcia

560 g di grano precotto
280 g di latte
20 g di burro
400 g di zucchero
400 g di ricotta freschissima (io uso quella vaccina)
4 uova + 3 tuorli
aroma fiori d'arancio
due cucchiai di Grand Marnier
un cucchiaino di cannella in polvere
40 g di canditi misti

Scolare il grano dal liquido, metterlo in una casseruola con il latte e il burro e porre sul fuoco, far prendere il bollore e continuare a cuocere mescolando spesso finché il latte formerà una crema. Spegnere e lasciar raffreddare bene. Nel frattempo preparare la frolla lavorando velocemente tutti gli ingredienti, formare un panetto, avvolgere con pellicola per alimenti e mettere in frigo. Lavorare la ricotta con un frustino, unire lo zucchero, poi aggiungere una alla volta le uova e i tuorli, l'essenza di fiori d'arancio, la cannella, il liquore, i canditi ed infine il grano. Stendere una parte della frolla ad uno spessore di circa 3 mm, rivestire lo stampo in precedenza imburrato e versare la farcia, con la frolla rimasta formare delle strisce da appoggiare sulla farcia. Cuocere in forno a 160° ventilato (180° statico) per almeno 60 minuti, poi aprire lo sportello a fessura e far cuocere per altri 10-15 minuti. Far raffreddare nel forno spento con lo sportello aperto.


La pastiera è un dolce che non va consumato subito, deve "riposare" per qualche giorno, ecco perchè di solito si prepara il Giovedì Santo per essere poi pienamente gustato la Domenica di Pasqua.

Stampa la Notizia

24 commenti:

  1. Buongiorno cara e che visione...La pastiera è il dolce di Pasqua per eccellenza forse perché per farlo occorre passione e tempo...l'attesa.... insomma anch'io la faccio solo in questo periodo(la mia è uscita adesso dal forno)forse si gusta anche di più aspettando..... in ogni caso COMPLIMENTI!!!!!!!!!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Renata, è vero, quando arrivano le feste, che sia Pasqua o che sia Natale, è ancora più bello mettere le mani in pasta, è una passione che si rinnova ogni anno. Un bacione anche a te :)

      Elimina
  2. ciao mariagrazia anche la mia è in forno, c'è un profumo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino... ho visto che hai fatto le cuzzupe, oggi vorrei farle anch'io (anche se a Cosenza li chiamiamo "cuculi"), non possono mancare sulla tavola di Pasqua. Baci.

      Elimina
  3. Questa pastiera è sublime, anche se mi piacciono di più le piccoline: splendide! Per la prima volta ne ho fatta una anche io, ma è decisamente uno sgorbio messa vicino alla tua, mi rifarò l'anno prossimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci credo che è uno sgorbio! Le piccoline sono davvero carucce, mi dispiace anche mangiarle, figurati!

      Elimina
  4. io impazzisco per la pastiera, infatti la preparo tutto l'anno, ma bastian contraria quale sono, tranne a Pasqua. In questo periodo mi godo quelle degli altri, e la tua (anzi le tue) sono coccole per la vista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E forse te la gusti pure di più, negli altri periodi dell'anno. A volte a Pasqua se ne fa pure indigestione :) Ciao, grazie!

      Elimina
  5. Belle e buona w la pastiera smack ISA

    RispondiElimina
  6. Ciao mariagrazia,
    Adoro la pastiera ma sai che non l'ho mai fatta?! La vedo come qualcosa di inarrivabile, quantomeno per il momento ..Ma di sicuro, terrò sotto controllo la tua ricetta collaudata!
    Buona Pasqua!
    serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, non è difficile. Personalmente ho dovuto sperimentare varie ricette prima di trovare il giusto equilibrio degli ingredienti, per come è il mio gusto personale, ovviamente. Per il resto, è quasi come fare .. una ricca crostata, diciamo. Ciao, grazie per la visita.

      Elimina
  7. Impazzisco per la pastiera! Pensa è l'unico dolce in cui riesco anche a mangiare i frutti canditi. Quando la faccio, a volte sostituisco i canditi con pezzetti di cioccolata... ma poi non si chiama più "pastiera". Bellissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che fino all'anno scorso non li mettevo, i canditi, perchè a casa mia nessuno li vuole. Quest'anno li ho messi, pochi ma li ho messi. Secondo me la mangeranno lo stesso. E' vero, se cambi qualche ingrediente ad un dolce, verrà sicuramente bene, però non sarà più lo stesso dolce. Ciao, a presto.

      Elimina
  8. ho tutti gli ingredienti...ma conoscendomi arriverò lunga....dopo pasqua!
    Grazie x la visita e x il tuo bel commento!

    RispondiElimina
  9. Cara Maria grazia, ma che bella ricetta e che buonaaa!!! Pensa che volevo farla anch'io ed invece poi ho optato per i cannoli siciliani. Comunque mi segno la tua ricetta per ogni evenienza! grazieeee
    ciaooo e buona serata
    bacioni

    RispondiElimina
  10. ciao :=)
    solo adesso conosco il tuo blog :) complimenti io adoro la pastiera..se t va vieni a farmi un salutino...

    Clicca qui per visitare il mio blog!

    RispondiElimina
  11. Ciao MGrazia, ci credi che non l ho mai assaggiata??? ogni tanto mi viene la voglia di farla, ma poi ci rinuncio.... chissà, magari copierò questa ricetta! Ciao Anna

    RispondiElimina
  12. Ma lo sai che anche io la mangerei tutto l'anno?????!!!!!!E' squisita e, lasciami dirti che ti è venuta BELLISSIMA!!!!!(e non è facile!!!tra le piu belle che ho visto!Bravaaaa!!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. che bella pastiera, sai che non l'ho mai preparata, prenderò spunto dalla tua,
    Buona Pasqua, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. Che delizia!!! A me piace tanto ma a casa la odiano...perciò non la posso mai fare!!! Mi sa che faccio le proporzioni e me ne faccio qualcuna mignon (le tue sono splendide)!!!

    RispondiElimina
  15. potevi dirmelo per lo stampo, te l'avrei spedito...Auguri!

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Maria Grazia al posto del Grand Marnier che altro liquore si potrebbe usare??
    Grazie Giuliana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Io ho messo il Grand Marnier che è un brandy all'arancia e mi piace il suo aroma, ma si può mettere anche un altro tipo di brandy, oppure un po' di rum, o Strega, e in ogni caso il liquore si può anche omettere, se non è gradito :-)

      Elimina

Template by Dlmdesign.it