Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Crostata con crema di ricotta e more di gelso


Dall'aspetto potrebbe sembrare un cheesecake, ma non lo è. Tutto è iniziato dalle more di gelso appena raccolte che una mia collega mi ha portato l'altro giorno in ufficio dicendo: "Sicuramente saprai cosa farci!". Erano bellissime e buonissime. Come impiegarle al meglio? Per prima cosa ho pensato di fare una ricerca sul web... Oh! Ma possibile che digitando "gelsi neri ricette" vengano fuori solo ricette della granita e della marmellata, e un timido clafoutis che ogni tanto compare tra un link e l'altro ??? Buonissime ricette, per carità, ma se uno volesse trovare l'alternativa? Mio caro Google, stavolta non offri molto, te lo devo proprio dire. Quindi ho fatto di testa mia, e dato che le crostate mi piacciono tanto, ho follemente iniziato ad impastare, e ho scelto pure una frolla burrosa, pazza che non sono altro, con questo caldo!!! una roba che il burro appena tolto dal frigorifero si è tuffato da solo nella farina pensando di poter sfuggire alla liquefazione immediata... Però alla fine ne è venuto fuori un dolce davvero buono, da tenere rigorosamente in frigo: lasciarlo a "temperatura ambiente" in questi giorni sarebbe come scaldarlo al microonde... proprio non si può :))

Crostata alla crema di ricotta e more di gelso 
Un tavolo per quattro)

Ingredienti

per la frolla
350 g di farina 00
180 g di burro freddo di frigorifero
140 g di zucchero
1 uovo intero + 1 tuorlo
8 gocce di aroma Agrumi mix Flavourart
mezza bustina di lievito
un pizzico di sale

per il ripieno
400 g di ricotta freschissima
latte q.b.
1 uovo intero + 1 tuorlo
150 g di zucchero
gelsi neri q.b.

Ho preparato la frolla impastando velocemente tutti gli ingredienti, l'ho messa in frigo protetta da pellicola per circa un'ora, poi l'ho stesa in una teglia per crostate, ho bucherellato ed ho infornato per 15 minuti a 180° (cosiddetta "cottura in bianco").
Nel frattempo ho preparato il ripieno iniziando a mescolare la ricotta con lo zucchero; poichè la ricotta che ho utilizzato era piuttosto dura ho ammorbidito con un bicchiere di latte, poi ho aggiunto le uova ed ho mescolato fino ad incorporare bene il tutto.


Ho tolto la base della torta dal forno, ho versato il ripieno, ho distribuito i gelsi in superficie spargendo un pò di zucchero semolato ed ho rimesso in forno per completare la cottura (circa 25 minuti).


Ho fatto raffreddare il più possibile a temperatura ambiente, poi ho estratto delicatamente il dolce dalla teglia trasferendo su un piatto da portata ed ho messo in frigorifero fino al giorno dopo.




Stampa la Notizia

30 commenti:

  1. oh mamma mia che spettacolo di torta!!!! Me ne tieni una fetta? I gelsi neri qui in liguria sono praticamente sconosciuti, io li ho conosciuti in sicilia. E sono davvero buonissimi! Complimenti per l'ottima idea di creare questa meraviglia di crostata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero sono buoni. Ma in mancanza dei gelsi, penso che si possano usare degli altri frutti di bosco, o anche le amarene, con la ricotta ci stanno benissimo. Grazie, baci.

      Elimina
  2. Molto buona e ha un aspetto fantastico.Ciao.

    RispondiElimina
  3. Hai fatto benissimo a fare di testa tua
    Che golosità cara Maria Grazia e che gelsi....Quanto mi piacciono!!!!!!!!!!!!!!!Un bacio cara e buona giornata!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona giornata anche a te. Un bacio grande

      Elimina
  4. Dato che ormai x me sei la regina delle crostate, sono certa che sia buonissima!!! Mai mangiati i gelsi neri, sembrano mirtilli! Ma che sapore hanno??? Mi attirano tanto!!!!
    E, anche se fa caldo, perchè rinunciare a una crostata cosi????
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che mirtilli, sono delle grosse more. Hanno un sapore molto dolce. Anche se fa caldo, una crostata così, da tenere in frigo, va più che bene. Grazie cara, un bacio anche a te.

      Elimina
  5. Meravigliosa|! I gelsi neri, poi, mi ricordano l'infanzia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io li staccavo dalla pianta e li mangiavo... :)

      Elimina
  6. Complimenti deve essere una squisitezza! Non ho mai nè assaggiato, nè mai visto i gelsi neri, ma mi ispirano molto! Peccato che quì da noi non ci siano!
    grazieeee e buon pomeriggio ::)))

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia!
    Brava Mary un bacione ISA

    RispondiElimina
  8. questa torta meravigliosa, deve essere deliziosa... ma io dove li trovo i gelsi neri qua ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non hai i gelsi, come ho scritto prima, potresti usare i frutti di bosco che trovi disponibili. Ciao, a presto!

      Elimina
  9. Che bontà,ma la frolla no! Al momento io non ne preparo più,ci risentiamo a settembre ahahahah

    RispondiElimina
  10. ohhhhhhhhhhhhhhhhhhh..i gelsi!!! saranno secoli che non ne addento uno!!!! che nostalgia di gusti!

    RispondiElimina
  11. Guarda qui che delizia, sai a volte fare di testa propria è la cosa migliore! :) soprattutto se i risultati sono perfette come questa torta! Che buoni i gelsi :)

    RispondiElimina
  12. con la crema di ricotta..e che te lo dicoaffffàààà???????? una delizia!

    RispondiElimina
  13. che torta goduriossima!! approvata e salvata!!

    RispondiElimina
  14. ma sai che qui i gelsi non si trovano facilmente nei dolci? chissà perchè, sono così buoni. Il tuo dolce è veramente favoloso, mi piace non solo per il profumo che deve avere, ma anche per i bellissimi colori.

    RispondiElimina
  15. Adoro i gelsi neri, che noi chiamiamo "moroni". Anni fa c'era una strada fuori dal centro abitato che era costeggiata dai gelsi, ora devo andare in campagna per raccoglierli, ma ne vale la pena. Ottima questa crostata :)

    RispondiElimina
  16. Maria Grazia è una torta magnifica davvero, io amo la ricotta in qulsiasi salsa e se si tratta di una crostata ancor di più!!!! buonissima!!!! un bacione

    RispondiElimina
  17. bellissima questa ricetta!!!! Potrei provare invece che coi gelsi o frutti di bosco, aggiungendo nell'impasto dei pezzetti di cioccolato? Mi piace l'interno cosi morbidoso, mi chiedevo se poteva essere una variante per i miei nipotini che non amano la frutta! Grazie! Donatella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, il cioccolato ce lo vedo benissimo. Se vuoi che i pezzetti diventino morbidi ti conviene metterlo al latte o al gianduia, se usi il fondente di solito rimane più duro e i pezzetti di cioccolato si sentono di più sotto ai denti. Fai tu. Ma grazie a te! Un abbraccio.

      Elimina
  18. Ho visto solo ora questa ricetta per caso!! Aspetto con ansia l'estate x fare una passeggiata intorno a casa...dove so io...x raccogliere i frutti del gelso!! Buonissimi!!! Poi torta! !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora io aspetto di sapere se ti sarà piaciuta, la torta :-) Grazie mille! Ciao

      Elimina

Template by Dlmdesign.it