Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Sbrisolona salata con Le Gruyère, zucchine, basilico e pinoli

La torta sbrisolona è un dolce delle zone settentrionali dell'Italia. E' originario della città di Mantova e il suo nome deriva dal sostantivo brìsa, che nel dialetto mantovano significa briciola. Inizialmente i suoi ingredienti erano pochi, semplici e tipici della tradizione contadina: farina di mais, strutto, nocciole oppure mandorle. Oggi con il termine sbrisolona, o sbrisolina o sbriciolata, si identificano delle torte dalla caratteristica consistenza irregolare, dovuta alla lavorazione veloce e al taglio grossolano della frutta secca utilizzata. Io sono nata e vivo dalla parte opposta dell'Italia, a migliaia di chilometri di distanza da Mantova e da tutto il settentrione, ma ciò non mi impedisce certamente di adorare questo dolce che negli anni è stato oggetto di tanti rifacimenti, fino ad arrivare anche alle versioni salate.
Ed è proprio una versione salata quella che oggi vi propongo per partecipare al 3°Contest indetto dalla squadra formata da Formaggi dalla Svizzera e Peperoni e Patate. Protagonisti di questa edizione sono l'Emmentaler DOP e Le Gruyère DOP, due formaggi d'eccellenza per tradizione, sapore e genuinità. E anche qui, il fatto di vivere a migliaia di chilometri dalla Svizzera non mi può impedire di adorare i suoi eccellenti formaggi.
Emmentaler è forse il formaggio svizzero per antonomasia, dal gusto dolce e dai caratteristici buchi che si formano naturalmente durante la stagionatura. Buchi molto grossi, grandi quanto delle ciliegie.
Le Gruyère ha invece un sapore variabile tra il dolce e il piccante, a seconda del periodo di stagionatura. Deve il suo gusto tipico anche alla crosta che viene spazzolata con acqua e sale durante la sua maturazione. E contrariamente a quanto si riscontra spesso nell'immaginario collettivo ... non ha i buchi!
Ebbene sì, anch'io (molto) tempo fa ero convinta che il Groviera fosse un formaggio con i buchi. Ma perché mai? Mentre mi ponevo questa domanda mi sono tornate in mente le immagini dei cartoni animati che guardavo da bambina: i protagonisti erano dei simpatici (e spesso dispettosi) topolini, attirati verso la trappola con pezzetti di formaggio che sprigionavano un odore a loro ben gradito e dai quali si levava una scia che si muoveva sinuosamente. Probabilmente la scena risulterà familiare anche a voi. Bé, allora potrete confermarmi che questi pezzetti di formaggio avevano SEMPRE i buchi, e pure molto grossi. E il Groviera ha un odore molto forte e caratteristico, e da qualche parte avevo sentito dire che fosse il formaggio ideale per attirare i topolini, a cui piace particolarmente (buongustai!). Forse, facendo due più due, avevo fatto mia un'errata convinzione, non so... Ma poi per fortuna i simpatici topolini dei cartoni sono sempre riusciti a sfuggire al gatto che voleva catturarli, ed io ho capito che il Groviera, i buchi, non ce li ha ! ^_^
Torniamo ai tempi nostri, lasciando da parte questi ricordi di parecchio tempo fa, e pensiamo piuttosto a gustare un meraviglioso formaggio, di proverbiale qualità e di grande versatilità in cucina. Ecco la mia proposta:


Mini sbrisolone salate con Le Gruyère DOP, zucchine, basilico e pinoli

Ingredienti
130 g di farina 00
50 g di farina di mandorle a grana grossa
70 g di burro
1 tuorlo
60 g di Le Gruyère
220 g di zucchine (una zucchina grande)
qualche fogliolina di basilico fresco
2 cucchiai di pinoli
olio extravergine d'oliva 
sale

Miscelare le due farine in una ciotola, aggiungere il burro freddo a pezzetti e iniziare a sabbiare il composto. Unire l'uovo e un pizzico di sale e impastare ancora con la punta delle dita.


Grattugiare il Gruyère con una grattugia a fori larghi e aggiungerlo nella ciotola, mescolando il tutto.



Sempre con la grattugia a fori larghi, grattugiare anche la zucchina e salarla leggermente. Tritare finemente tre o quattro foglie grandi di basilico (senza eccedere altrimenti il sapore del basilico diventerà predominante su tutti gli altri), aggiungere il trito alle zucchine, mescolare e irrorare con un filo d'olio.


Mettere i pinoli in un padellino e farli tostare sul fuoco, togliendoli non appena prendono colore. Imburrare gli stampi da utilizzare e riempirli per metà con il composto di briciole, pressando lievemente. Distribuire le zucchine con il basilico, ricoprire con le briciole restanti e cospargere con i pinoli, premendo sulla superficie per farli aderire.


Cuocere in forno già caldo a 190°C per circa 20 minuti, o comunque fino a quando la superficie assume un bel colore dorato.


Far raffreddare bene prima di estrarre dagli stampi.


P.S.: il giorno successivo sono ancora più buone ...


Con questa ricetta partecipo a



Stampa la Notizia

9 commenti:

  1. Bellissima l'idea di fare una Sbriciola salata e con quest'ottimo formaggio :D Io gradirei un assaggio ;)

    RispondiElimina
  2. un'idea fantastica quella di rendere salata un caposaldo dolce mantovano! geniale! ti auguro un grande in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina
  3. ahahaha conosco molto bene la sbrisolona, la faceva una gentile signora di Possagno del Grappa che la prima volta presa per assaggio mi vede prendere il coltello e stava dicendo di fare attenzione che.....volata è la fetta dal mio tavolo attraverso non so quanti tavoli vicini...che risate. La stessa cosa con il panforte a Siena che è volta da dove mi trovavo direttamente in strada.... Buona idea del salato preso nota grazie e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha hai reso benissimo l'idea... bè, la sbrisolona mantovana deve essere così, si deve spezzare con le mani. Questa mia però non è così dura, anzi, è molto friabile. Grazie mille, un abbraccio :)

      Elimina
  4. Ma che bella Maria Grazia questa tortina! Salata non l'ho mai assaggiata. Bella idea!
    Un bacio
    Rosa

    RispondiElimina

Template by Dlmdesign.it